L’universo matematico di Max Tegmark

L’universo matematico di Max Tegmark ha un metodo estremamente accattivante per comporre. Scarica o leggi questo libro in formato PDF, Epub, Mobi e altro ancora in internet. Con lui focus: entra nell’ottica, in maniera massiccia e persuasiva, che la verità è, di conseguenza, una costruzione scientifica. Quindi tieni duro e lasciati andare, altrimenti non avrai la capacità di leggerlo. Il volume ha fondamentalmente due sezioni. Il più energizzante è dedicato alla scienza dei materiali quantistici. La sua visione è offerta con meticolosità, tuttavia nel frattempo totale ed estasiante. Si unisce alla sua vita di specialista con le rivelazioni degli ultimi anni, eppure si comporta come tale con l’adeguamento e il giusto pizzico di incongruità. Come indicato dal mio punto di vista è prudente per i lettori che hanno già morso un po ‘di scienza materiale e idee, potrebbe essere tossico per gli individui che stanno digiunando totalmente.

L'universo matematico di Max Tegmark

Dettagli:
Tutto ha inizio con Galileo, secondo il quale “l’universo è scritto in lingua matematica”. Una rivoluzione. Tre secoli dopo, nel 1960, il premio Nobel Eugene Wigner fa un ulteriore passo avanti, interrogandosi sull'”irragionevole efficacia della matematica”: se la matematica è lo studio formale di concetti puramente astratti, indipendenti dal pensiero umano, com’è possibile che sia tanto accurata – addirittura perfetta -nel descrivere il mondo reale, che è fatto di oggetti materiali? È qui che entrano in scena Max Tegmark e questo libro. Se l’ipotesi di una realtà esterna a noi è vera, allora la “teoria del tutto” – la descrizione completa della realtà – deve essere indipendente dal nostro pensiero (visto che noi della realtà facciamo parte), e l’unica cosa completamente svincolata dal pensiero umano è, appunto, la matematica. Dunque, per Tegmark il mondo reale coincide con la matematica, non è solo descritto dalla matematica, ma è matematica. Con questa idea travolgente, discussa da tempo tra gli specialisti e ora finalmente fissata sulle pagine di questo libro per tutti, Max Tegmark ci conduce attraverso il passato, il presente e il futuro, dall’infinitamente grande all’infinitamente piccolo. Attraverso la fisica, l’astronomia e la matematica ci introduce con una prosa lucida e originale alla sua teoria del “multiverso definitivo”. Se ha ragione, da qualche parte, in un altro universo, deve esistere per forza un doppione di noi, in tutto identico a noi, ma che non ha fatto quel terribile sbaglio.

Fino a circa una buona parte della lettura del libro è familiare e intrigante. Quando arrivi al multiverso di livello IV finisce con l’essere noioso. In ogni caso, non a causa della scienza (non ci sono a tutti gli effetti equazioni), ma a partire da idee oscure e appena “distinguibili”. Ci vuole uno straordinario intrigo ed energia per arrivare all’ultima parte, che torna a flusso e affascinante. Le speculazioni comunicate non sono tutte “autorevolmente” percepite. Sicuramente, alcune prospettive sembrano inquietanti (per l’uomo normale che non ha un’intensa informazione sulla scienza dei materiali).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *